RDC DEVE DIVENTARE LAVORO DI CITTADINANZA

Gli effetti del Covid-19 sarebbero stati devastanti per 1,3 milioni di famiglie in assenza del Reddito di Cittadinanza. La spiegazione degli scarsi risultati occupazionali e’, prevalentemente, keynesiana, ancor piu’ nella pandemia, dato il crollo del 10% dell’attivita’ produttiva. E’ nella carenza di domanda di lavoro da parte delle imprese, a sua volta dovuta al deficit di domanda interna, soprattutto nel Mezzogiorno, ossia nei territori dove e’ piu’ diffuso il RdC.

È necessario, come ai tempi del New Deal di Roosevelt, l’intervento pubblico per creare direttamente lavoro.

A tal fine, va data centralita’ alla funzione dei Comuni, prevista ma rimasta ai margini. I ‘Progetti utili alla collettivita”, da predisporre insieme al Terzo Settore, devono diventare lo sbocco primario per impiegare i percettori del RdC. In sintesi, dobbiamo far diventare il Reddito di Cittadinanza ‘Lavoro’ di Cittadinanza. Un ‘lavoro’ non sostitutivo delle urgenti assunzioni nel settore pubblico, dove l’Italia e’ all’ultimo posto nell’Eurozona nel rapporto tra dipendenti pubblici e popolazione.

 

Qui l’articolo completo:

 

0 Condivisioni
,